caorliega.business

24 novembre 2009

SCANDALOSO

Filed under: Senza Categoria — previsionistampa @ 02:51

Lo Stato, oggi, è diventato il finanziatore “d’emergenza” delle Banchee il più grande rischio percepito dai Governi è il fallimento degliIstituti di Credito.
Prima della grande crisi, lo scenario era assolutamente a parti invertite.

Infatti le banche hanno ricevuto in dote la cifra di 14.000miliardi di dollari,pari a circa il 25% delPIL mondiale.
Un sostegno mai visto nella storia.

Oggi non sono più i Governi e gli Stati a comandare la finanzaglobale, ma le banche .

Equanto sto per raccontarvi, è l’ennesima prova che alla fine, chi comanda èsempre l’oligarchia delle banche che contano.

Cosa è successo? Niente di più semplice. E’ scaduto un prestito di AIG, il mega colosso assicurativo che qualche mese fa il governo USA ha salvato, proprio quando era ad unpasso dal default. La FED si è ritrovata a dover rimborsare i credit default swap sulla società AIG appunto, titoli totalmente il liquidi, al 100%del loro valore nominale, accollandosi una minusvalenzapari al 40%, ovvero circa 13 miliardi di dollari USA. E chi sono ibeneficiari di questo clamoroso agreement? Vediamo se indovinate… Ovviamentetroviamo Goldman Sachs, ma anche altre banche tra cui Merrill Lynch (Alias Bank of America), SociétéGénérale e così via.

Le banche pretendevano il 100% in quanto la FED garantiva pertutto, e la FED presa “per le palle”  non ha potuto far altro che pagare.
Ennesimo caso in cui la crisi viene, alla fine della fiera, pagata dalcontribuente (il debito pubblicoUSA non stalievitando per motivi casuali) e le grosse banche invece dominano in lungo inlargoOvviamente non si parla di cifre a fondo perduto, sia ben inteso.Come non si tratta di importi proibitivi per Goldman Sachs, visto che 500 milioni di dollari rappresentano appern il 3% del monte-premi già accantonato perpagare i bonus aisuoi dipendenti.

Scusate il termine, ma tutto questo suona da tremenda “presa per i fondelli“.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: